LUCI ROSA in Val di Sole per l’arrivo del Giro d’Italia

A 102 giorni dal 102° Giro d’Italia, l’inconfondibile insegna “Val di Sole” sul campo di gara di Daolasa e il Comune di Commezzadura si sono illuminati nell’ambito dell’iniziativa “L’Italia in Rosa”

Val di Sole

Quest’anno anche la “ BikeLand” per eccellenza apre le porte al grande ciclismo su strada. A 102 giorni dalla partenza del 102° Giro d’Italia da Bologna (10 Maggio 2019), Martedì 29 Gennaio luoghi, simboli e monumenti delle città di tappa della prossima Corsa Rosa si sono illuminati del colore del Giro, e la Val di Sole non ha fatto eccezione.

In vista della partenza da Commezzadura della 17° tappa del Giro ( Commezzadura/Val di Sole-Anterselva, 180 km) di Mercoledì 29 Maggio, la Val di Sole ha scelto di illuminare un simbolo ben noto ad atleti e appassionati di MTB: la famosa insegna “Val di Sole” che sorge proprio nel cuore del campo di gara della UCI Mountain Bike World Cup a Daolasa di Commezzadura – in programma quest’anno dal 2 al 4 Agosto – da dove prenderà la frazione della Corsa Rosa. Oltre al campo di gara, a tingersi di rosa è stato anche il Municipio di Commezzadura.

“ Abbiamo accolto con piacere l’invito del Giro d’Italia a partecipare a questa iniziativa” – ha spiegato Luciano Rizzi, Presidente di APT Val di Sole – “ e di farlo illuminando di rosa quello che è un simbolo dei nostri eventi MTB, fiore all’occhiello della nostra Val di Sole BikeLand. In questo modo, abbiamo voluto significare l’unione dei due mondi del ciclismo – strada e fuoristrada – e l’incontro dei due più importanti eventi italiani dei rispettivi settori: il Giro d’Italia e la Coppa del Mondo MTB in Val di Sole.”

“ In Val di Sole,” prosegue Rizzi, “ la bicicletta è regina in tutte le sue declinazioni, come dimostrano gli eventi che ospitiamo nelle molteplici discipline: questa partenza del Giro d’Italia rappresenta una nuova occasione importante per comunicare la nostra realtà a livello globale, soprattutto in apertura del triennio che ci porterà, nel 2021, ad ospitare nuovamente i Campionati del Mondo di Mountain Bike.”